Passa ai contenuti principali
Logo della Commissione europea
Rappresentanza in Italia
Comunicato stampa19 dicembre 2022Rappresentanza in Italia

Tratta di esseri umani: la Commissione propone norme più severe per fronteggiare l'evoluzione di questo reato

Press conference by Ylva Johansson, European Commissioner, and Diane Schmitt, EU Anti-Trafficking Coordinator, on fighting human trafficking, on a proposal for stronger rules to fight trafficking in human beings

La Commissione ha proposto oggi di rafforzare le norme per prevenire e combattere la tratta di esseri umani. Ogni anno nell'UE oltre 7000 persone sono oggetto di tratta di esseri umani, ma dato che molte vittime non vengono individuate il numero è verosimilmente molto più alto. Il costo annuo della tratta nell'UE ammonta a 2,7 miliardi di €. La maggior parte delle vittime sono donne e ragazze, ma è in aumento anche la percentuale di uomini, in particolare a causa dello sfruttamento della manodopera.

Negli ultimi anni le forme di sfruttamento si sono evolute e il reato assume sempre più una dimensione online. Il fenomeno richiede un nuovo intervento a livello dell'UE, dato che i trafficanti hanno l'opportunità di reclutare, controllare, trasportare e sfruttare le vittime, trasferire i profitti e raggiungere gli utenti dentro e fuori l'UE.

Le norme aggiornate doteranno le autorità di contrasto e giudiziarie di strumenti più solidi per indagare e perseguire le nuove forme di sfruttamento, per esempio garantendo che l'uso consapevole dei servizi forniti dalle vittime della tratta costituisca un reato. La proposta della Commissione prevede sanzioni obbligatorie nei confronti delle imprese e non più solo delle singole persone per i reati di tratta. Mira inoltre a migliorare le procedure per l'identificazione precoce e il sostegno alle vittime negli Stati membri, in particolare attraverso la creazione di un meccanismo europeo di indirizzamento.

In particolare, le norme aggiornate comprenderanno:

  • l'inserimento dei matrimoni forzati e delle adozioni illegali tra i tipi di sfruttamento che rientrano nella definizione della direttiva. Gli Stati membri dovranno quindi qualificare tali condotte come tratta di esseri umani nel diritto penale nazionale;
  • un riferimento esplicito ai reati di tratta di esseri umani commessi attraverso le tecnologie dell'informazione e della comunicazione, compresi internet e i social media o agevolati da esse;
  • sanzioni obbligatorie per le persone giuridiche ritenute responsabili di reati connessi alla tratta. Tra le possibili sanzioni vi sono l'esclusione dai benefici pubblici o la chiusura temporanea o definitiva delle strutture in cui si è verificato il reato;
  • meccanismi nazionali ufficiali di indirizzamento per migliorare l'individuazione precoce delle vittime e l'orientamento delle stesse verso i servizi di assistenza e sostegno, meccanismi che creeranno le basi per un meccanismo europeo di indirizzamento mediante la nomina di punti nevralgici nazionali;
  • una spinta verso la riduzione della domanda, che si otterrà riconoscendo come reato l'utilizzo consapevole di servizi forniti da vittime della tratta di esseri umani;
  • una raccolta annuale a livello UE di dati sulla tratta di esseri umani, che sarà poi pubblicata da Eurostat.

Prossime tappe

Spetta ora al Parlamento europeo e al Consiglio esaminare la proposta. Una volta che le nuove norme saranno state adottate, gli Stati membri dovranno recepirle nel diritto nazionale.

Contesto

La tratta degli esseri umani è un reato transfrontaliero che interessa tutti gli Stati membri. Nonostante i progressi compiuti negli ultimi anni continua a rappresentare una grave minaccia nell'UE La quarta relazione sui progressi nella lotta contro la tratta di esseri umani, pubblicata oggi, presenta una panoramica fattuale delle principali questioni legate alla tratta degli esseri umani nell'UE.

Dal 2011 la direttiva anti-tratta costituisce la colonna portante dell'impegno dell'UE per prevenire e combattere la tratta di esseri umani. Ha fornito la base giuridica per una risposta decisa della giustizia penale e standard elevati di protezione e sostegno alle vittime. I recenti sviluppi rendono tuttavia necessario aggiornare il testo vigente.

Ad aprile 2021 la Commissione ha presentato la strategia dell'UE per la lotta alla tratta di esseri umani (2021-2025), incentrata sulla prevenzione della criminalità, la consegna dei trafficanti alla giustizia e la protezione e l'emancipazione delle vittime. La valutazione e l'eventuale riesame della direttiva anti-tratta per renderla adeguata allo scopo era una delle azioni principali della strategia. Poiché la tratta di esseri umani è spesso in mano a gruppi della criminalità organizzata, la strategia per contrastarla è strettamente collegata alla strategia dell'UE per la lotta alla criminalità organizzata. La protezione della società dalla criminalità organizzata, anche per quanto riguarda la lotta contro la tratta di esseri umani, costituisce una priorità della strategia dell'UE per l'Unione della sicurezza.

Per ulteriori informazioni

Domande e risposte: nuove norme per combattere la tratta di esseri umani

Scheda informativa

Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la prevenzione e la repressione della tratta di esseri umani e la protezione delle vittime

Quarta relazione sui progressi compiuti nella lotta contro la tratta di esseri umani

Pagina web sulla lotta contro la tratta di esseri umani

Quote(s)

"La tratta degli esseri umani è un reato estremamente complesso, e il <em>modus operandi</em> dei trafficanti cambia di continuo con il progredire della tecnologia. Non lasceremo nulla di intentato per portare un maggior numero di criminali davanti alla giustizia e salvare più vittime da questi atroci crimini. Solo con una stretta collaborazione con gli Stati membri potremo incrementare la nostra capacità di prevenire e combattere la tratta di esseri umani e proteggerne meglio le vittime. La proposta odierna è un altro risultato tangibile della strategia per l'Unione della sicurezza".

Margaritis Schinas, vicepresidente per la Promozione dello stile di vita europeo - 19/12/2022

 

"La recessione economica seguita alla pandemia di COVID-19, l'aumento della digitalizzazione nella nostra società e l'aggressione militare della Russia in Ucraina hanno offerto ai trafficanti nuove opportunità di sfruttare la vulnerabilità delle persone per trarne un vantaggio economico. L'UE ha bisogno di norme più rigorose per prevenire e combattere la tratta degli esseri umani e proteggere le vittime. Non possiamo tollerare che coloro che si avvalgono consapevolmente di servizi derivanti dallo sfruttamento rimangano impuniti, ed è per questo che proponiamo che gli Stati membri riconoscano questa pratica come reato."

Ylva Johansson, commissaria per gli Affari interni - 19/12/2022

 

"Vogliamo dimostrare alle imprese che trarre profitto dal lavoro forzato comporta gravi conseguenze per questo reato, come l'esclusione dai benefici pubblici o persino la chiusura delle strutture, e che la sanzione non può limitarsi a una semplice multa. Abbiamo bisogno di un sistema di identificazione, protezione e sostegno più completo per le vittime della tratta, obiettivo che può essere raggiunto solo con meccanismi nazionali di indirizzamento accessibili ed efficaci. Queste norme costituiranno strumenti più aggiornati per la lotta contro la tratta degli esseri umani e per la protezione delle vittime".

Diane Schmitt, EU Anti-Trafficking Coordinator - 19/12/2022

Dettagli

Data di pubblicazione
19 dicembre 2022
Autore
Rappresentanza in Italia