Passa ai contenuti principali
Rappresentanza in Italia
Comunicato stampa28 novembre 2023Rappresentanza in Italia

La Commissione approva la valutazione preliminare positiva della richiesta dell'Italia di erogazione di 16,5 miliardi di €

next generation eu
EU

La Commissione ha approvato oggi la valutazione preliminare positiva della richiesta di pagamento dell'Italia per 16,5 miliardi di € in sovvenzioni e prestiti nell'ambito del dispositivo per la ripresa e la resilienza (RRF), lo strumento chiave al centro di NextGenerationEU.

Il 22 settembre 2023 l'Italia ha presentato alla Commissione una quarta richiesta di pagamento sulla base del conseguimento di 21 traguardi e sette obiettivi stabiliti nella decisione di esecuzione del Consiglio.

Si tratta di una serie di riforme trasformative in settori strategici fondamentali quali la giustizia penale e civile, il pubblico impiego, gli appalti pubblici, l'assistenza per le persone anziane e l'assistenza a lungo termine. Ad esempio, sono stati compiuti ulteriori passi nell'attuazione delle riforme della pubblica amministrazione e della magistratura in ambito civile e penale, che contribuiranno a una pubblica amministrazione più semplice ed efficace e a un sistema giudiziario più efficiente, cui si aggiungono le ricadute positive che un sistema di appalti pubblici semplificato e più efficiente potrà avere sul contesto imprenditoriale. Sono incluse anche riforme volte a semplificare le procedure amministrative per gli investimenti verdi. Vi è infine una riforma volta a migliorare le condizioni di vita delle persone anziane non autosufficienti attraverso un accesso più agevole ai servizi sanitari e sociali.

Gli investimenti compresi in questa richiesta di pagamento riguardano anch'essi un'ampia gamma di settori, quali l'efficienza energetica degli edifici, le infrastrutture per l'idrogeno, l'assistenza all'infanzia, la transizione digitale, la mobilità sostenibile e l'inclusione sociale. Tra questi figurano, ad esempio, l'installazione di infrastrutture di ricarica e il potenziamento del parco ferroviario del trasporto pubblico regionale con treni a emissioni zero. Sono inclusi anche investimenti nell'idrogeno verde, come la sperimentazione dell'idrogeno per il trasporto stradale e la mobilità ferroviaria e la produzione di idrogeno nei siti dismessi. Un investimento riguarda la digitalizzazione della pubblica amministrazione, attraverso la migrazione delle serie di dati e delle applicazioni di gran parte della pubblica amministrazione locale verso un'infrastruttura cloud sicura. Vi sono investimenti per combattere la povertà educativa nel Sud e per aumentare l'offerta di asili nido e scuole materne e di servizi di educazione e cura della prima infanzia. In questa richiesta figura anche l'investimento volto ad aumentare la disponibilità di alloggi economicamente accessibili per gli studenti universitari.

Le autorità italiane hanno corredato la richiesta di elementi dettagliati ed esaurienti a dimostrazione del conseguimento dei 28 traguardi e obiettivi. La Commissione ha valutato attentamente queste informazioni prima di presentare la sua valutazione preliminare positiva della richiesta di pagamento.

Il piano italiano per la ripresa e la resilienza contempla una vasta gamma di investimenti e riforme articolati in sei aree tematiche (chiamate "Missioni"). Il piano sarà finanziato con 191,6 miliardi di €, di cui 69 miliardi di sovvenzioni e 122,6 miliardi di prestiti. Finora l'Italia ha ricevuto 85,4 miliardi di €, che includono i 9 miliardi di sovvenzioni e i 15,9 miliardi di prestiti erogati come prefinanziamento il 13 agosto 2021. Il primo pagamento del valore di 21 miliardi di € è stato erogato il 13 aprile 2022, un secondo pagamento per 21 miliardi di € il 9 novembre 2022 e il terzo pagamento, che ammonta a 18,5 miliardi di €, il 9 ottobre 2023.

I pagamenti nell'ambito dell'RRF sono basati sulle prestazioni e subordinati all'attuazione da parte degli Stati membri degli investimenti e delle riforme previsti nei rispettivi piani per la ripresa e la resilienza.

Prossime tappe

La Commissione ha ora trasmesso per parere al comitato economico e finanziario la sua valutazione preliminare positiva del conseguimento soddisfacente, da parte dell'Italia, dei traguardi e degli obiettivi necessari per questo pagamento. La valutazione della Commissione dovrà tenere conto del parere del comitato, che deve esprimersi entro al massimo quattro settimane. Dopo aver acquisito il parere del comitato economico e finanziario, la Commissione adotterà la decisione definitiva sull'erogazione del contributo finanziario, secondo la procedura di esame, tramite comitato. L'erogazione all'Italia potrà essere effettuata dopo l'adozione della decisione da parte della Commissione.

La Commissione valuterà le ulteriori richieste di pagamento dell'Italia sulla base del conseguimento dei traguardi e degli obiettivi definiti nella decisione di esecuzione del Consiglio che approva il piano, rispecchiando i progressi compiuti nell'attuazione degli investimenti e delle riforme.

Gli importi erogati agli Stati membri sono pubblicati nel quadro di valutazione della ripresa e della resilienza, che riporta i progressi dell'attuazione dei piani nazionali di ripresa e resilienza.

Per ulteriori informazioni

Valutazione preliminare della quarta richiesta di pagamento dell'Italia

Domande e risposte sulla quarta richiesta di pagamento dell'Italia

Valutazione preliminare della terza richiesta di pagamento dell'Italia

Domande e risposte sulla terza richiesta di pagamento dell'Italia e sulla revisione mirata del piano di ripresa e resilienza italiano

Proposta di decisione di esecuzione del Consiglio che approva la revisione mirata del piano proposta dall'Italia

Domande e risposte sul piano per la ripresa e la resilienza dell'Italia

Scheda informativa sul piano per la ripresa e la resilienza dell'Italia

Dispositivo per la ripresa e la resilienza

Quadro di valutazione della ripresa e della resilienza.

Regolamento sul dispositivo per la ripresa e la resilienza

Domande e risposte sul dispositivo per la ripresa e la resilienza

Sito web "The EU as a borrower"

Citazioni

L'Italia ha raggiunto un'altra tappa importante nell'attuazione del suo piano per la ripresa e la resilienza! Ha attuato importanti riforme della normativa in materia di appalti pubblici e del sistema giudiziario per migliorare il contesto imprenditoriale. Ha investito negli asili nido e nell'educazione della prima infanzia e ha promosso la diffusione dell'idrogeno e la pubblica amministrazione digitale. Una volta che anche gli Stati membri avranno dato il via libera, l'Italia riceverà 16,5 miliardi di € nell'ambito di NextGenerationEU. Complimenti all'Italia per la risolutezza nell'attuazione, continueremo a sostenerla perché il piano per la ripresa sia un successo.

La presidente Ursula von der Leyen - 28/11/2023

 

Congratulazioni all'Italia per il conseguimento di questi traguardi e obiettivi stabiliti nel suo piano per la ripresa e la resilienza, che le consentono di continuare a portare avanti la transizione verde e digitale. L'Italia sta semplificando le procedure per incoraggiare più investimenti verdi, promuovendo la mobilità sostenibile mediante l'installazione di infrastrutture di ricarica e aggiungendo treni a zero emissioni alla rete ferroviaria pubblica regionale. Apprezziamo le riforme riguardanti gli appalti pubblici, l'amministrazione fiscale e la magistratura in ambito civile e penale. Sul piano sociale l'Italia sta riducendo le differenze regionali in materia di povertà educativa, incoraggiando l'ingresso di un maggior numero di donne nel mercato del lavoro e migliorando l'accesso ai servizi sanitari e sociali per le persone anziane. Una volta che la valutazione della Commissione sarà stata riesaminata e approvata dagli Stati membri, l'Italia riceverà 16,5 miliardi di € di sovvenzioni per questa quarta richiesta di pagamento.

Valdis Dombrovskis, vicepresidente esecutivo per Un'economia al servizio delle persone - 28/11/2023

 

La valutazione preliminare positiva odierna della quarta richiesta di pagamento dell'Italia segna un altro passo importante nell'attuazione del piano nazionale per la ripresa e la resilienza, che arriva pochi giorni dopo il via libera della Commissione alla revisione del piano. Dalla valutazione è emerso che l'Italia ha attuato con successo i 21 traguardi e i sette obiettivi connessi a questa richiesta di pagamento, che comprendono riforme volte a migliorare l'efficienza della giustizia civile e penale, modernizzare la pubblica amministrazione, ridurre i ritardi dei pagamenti e migliorare l'assistenza alle persone anziane, nonché investimenti nell'inclusione sociale, nell'efficienza energetica e nelle infrastrutture per l'idrogeno. Una volta completate le procedure pertinenti, saremo in grado di effettuare il pagamento di 16,5 miliardi di € in sovvenzioni all'Italia, portando il totale erogato a più di 100 miliardi di €, ancora un forte sostegno dell'UE per la realizzazione di questo cruciale programma di riforme e investimenti.

Paolo Gentiloni, commissario per l'Economia - 28/11/2023

Dettagli

Data di pubblicazione
28 novembre 2023
Autore
Rappresentanza in Italia