Passa ai contenuti principali
Rappresentanza in Italia
Comunicato stampa7 dicembre 2023Rappresentanza in Italia

La Commissione propone nuove norme per migliorare il benessere degli animali

foto gatto nero e cucciolo di cane che lo guarda
pixabay

Come annunciato nella strategia "Dal produttore al consumatore", l'agenda del Green Deal europeo per un'agricoltura e una produzione alimentare sostenibili, oggi la Commissione ha proposto la più profonda riforma da 20 anni a questa parte delle norme UE sul benessere degli animali durante il trasporto. La Commissione propone inoltre, per la prima volta in assoluto, nuove norme dell'UE in materia di benessere e tracciabilità di cani e gatti allevati, detenuti e commerciati a fini economici come animali da compagnia.

Il pacchetto prevede una revisione delle attuali norme dell'UE per la protezione degli animali durante il trasporto, al fine di migliorare il benessere del miliardo e 600 milioni di animali trasportato ogni anno nell'UE e dall'UE. Le nuove norme riflettono i dati, le conoscenze scientifiche e gli sviluppi tecnologici più recenti.

Le nuove norme sul benessere e la tracciabilità di cani e gatti introdurranno, per la prima volta, standard uniformi dell'UE per l'allevamento, la stabulazione e la manipolazione di cani e gatti negli stabilimenti di allevamento, nei negozi di animali da compagnia e nei rifugi. Al fine di combattere il commercio illegale e controllare meglio le condizioni di benessere degli animali negli stabilimenti, anche la tracciabilità di cani e gatti verrà rafforzata, rendendone obbligatoria l'identificazione e la registrazione nelle banche dati nazionali.

Infine, la Commissione propone ulteriori passi per reagire all'iniziativa dei cittadini europei "Fur Free Europe" (Basta pellicce in Europa)". che chiede il divieto dell'allevamento di animali da pelliccia e della vendita di prodotti contenenti le loro pellicce nel mercato unico. La Commissione plaude all'iniziativa, riconoscendo che il benessere degli animali continua a destare profonda preoccupazione nei cittadini europei.

Norme migliori per il trasporto di animali

Le norme dell'UE in vigore per gli animali da trasporto hanno ormai 20 anni: non riflettono più le realtà attuali, le più recenti conoscenze e consulenze scientifiche, gli obiettivi di sostenibilità o le legittime preoccupazioni dei nostri cittadini riguardo al benessere degli animali. La proposta presentata oggi è pertanto focalizzata su una serie di settori chiave, essenziali per garantire un buon benessere degli animali durante il trasporto.

  • I tempi di viaggio verranno abbreviati, e durante i viaggi lunghi gli animali dovranno essere scaricati per essere alimentati, abbeverati e riposare. Norme speciali si applicheranno agli animali da macello e agli animali vulnerabili (ad esempio i vitelli non svezzati) o gravidi.
  • Le misure minime volte a garantire uno spazio sufficiente ai diversi animali saranno aumentate e adattate a ciascuna specie.
  • Il trasporto a temperature estreme sarà soggetto a condizioni rigorose, ad esempio all'obbligo di trasporto esclusivamente notturno qualora la temperatura sia superiore a 30 gradi. Inoltre, in caso di temperature inferiori a 0ºC, i veicoli stradali dovranno essere coperti e la circolazione dell'aria nel compartimento animale è controllata, al fine di proteggere gli animali dall'esposizione al vento durante il viaggio. In presenza di temperature inferiori a -5ºC, in aggiunta alle misure citate, la durata del viaggio verrà limitata a un massimo di 9 ore.
  • Anche le norme per l'esportazione di animali vivi dall'Unione saranno inasprite: ad esempio, verranno migliorati i controlli svolti nei paesi terzi, in modo da adeguarli alle norme in vigore nell'UE.
  • Dovremo sfruttare al massimo gli strumenti digitali per facilitare l'applicazione delle norme in materia di trasporti (ad esempio localizzazione in tempo reale dei veicoli; banca dati centralizzata).

Un maggior benessere per cani e gatti

Nel 44 % circa dei nuclei famigliari nell'UE vive un animale da compagnia. Il commercio di cani e gatti è cresciuto notevolmente negli ultimi anni, e oggi rappresenta un importo annuale pari a 1,3 miliardi di €. Tuttavia, le norme in materia di benessere degli animali per l'allevamento, la detenzione e il commercio professionale di cani e gatti divergono notevolmente da uno Stato membro all'altro. In molti casi si riscontrano anche pratiche non conformi alle norme e abusi.

Inoltre, il commercio illegale di cani e gatti ha registrato un forte aumento, sostenuto da un mercato online in crescita, che rappresenta attualmente il 60 % di tutte le vendite di cani e gatti nell'UE. Una nuova relazione pubblicata oggi denuncia la portata del commercio illegale di cani e gatti, nonché le lacune giuridiche che lo rendono attualmente possibile.

La proposta odierna non contiene nuove regole per i cittadini e i proprietari di animali da compagnia, ma stabilisce norme uniformi a livello dell'UE per il benessere di cani e gatti allevati o detenuti in stabilimenti di moltiplicazione, negozi di animali da compagnia e rifugi:

  • per la prima volta in assoluto si applicheranno standard minimi riguardo all'allevamentoalla stabulazione, alla cura e al trattamento di tali animali in tutta l'UE.
  • Grazie a una serie di rigorosi requisiti in materia di tracciabilità, oltre ai controlli automatizzati sulle vendite online, le autorità potranno più agevolmente controllare l'allevamento e il commercio di cani e gatti, mentre gli acquirenti avranno la possibilità di verificarne la corretta identificazione e registrazione.
  • Gli Stati membri dovranno offrire una formazione agli addetti alla gestione degli animali, mentre tutti coloro che acquisteranno un cane o un gatto riceveranno informazioni sull'importanza della proprietà responsabile.
  • Le importazioni di cani e gatti dovranno soddisfare standard di benessere equivalenti.

Risposta all'iniziativa dei cittadini europei "Fur Free Europe" (Basta pellicce in Europa)

Inoltre oggi la Commissione ha risposto a un'iniziativa dei cittadini europei. L'iniziativa "Fur Free Europe" (Basta pellicce in Europa) chiede alla Commissione di intervenire per vietare: i) la detenzione e l'abbattimento di animali allo scopo esclusivo o principale di produrre pellicce e ii) l'immissione sul mercato dell'UE di pellicce di animali d'allevamento e di prodotti che le contengono. Inoltre l'iniziativa solleva importanti questioni relative alla protezione della salute umana, animale e ambientale La Commissione le valuterà basandosi sul proprio approccio "One Health", che ha come principio fondamentale il riconoscimento del legame indissolubile tra salute umana, animale e ambientale.

La Commissione ha incaricato l'EFSA di fornire un parere scientifico sul benessere degli animali allevati per la produzione di pellicce. Sulla base di questo contributo scientifico e di una valutazione dell'impatto economico e sociale, la Commissione deciderà in merito all'azione più appropriata.

Prossime tappe

Le due proposte legislative saranno ora trasmesse al Parlamento europeo e al Consiglio. Per quanto riguarda l'iniziativa dei cittadini europei, l'EFSA avvierà la sua valutazione scientifica sulla base della richiesta della Commissione e formulerà il proprio parere scientifico entro il marzo 2025.

La Commissione proseguirà inoltre i lavori preparatori su altre proposte in materia di benessere degli animali, come annunciato nella strategia "Dal produttore al consumatore".

Per ulteriori informazioni

Domande e risposte: il benessere degli animali durante il trasporto

Domande e risposte: il benessere di cani e gatti

Domande e risposte: iniziativa dei cittadini europei "Fur Free Europe" (Basta pellicce in Europa)

Scheda informativa: il benessere degli animali durante il trasporto

Scheda informativa: il benessere di cani e gatti

Commissione europea - Salute pubblica

Autorità europea per la sicurezza alimentare

Citazioni

"Il benessere degli animali è una questione che sta molto a cuore ai cittadini dell'UE e l'impegno per migliorarlo è stata una nostra priorità politica fin dal primo giorno. Quasi la metà delle famiglie europee possiede un cane o un gatto: questo dimostra l'importanza delle iniziative che lanciamo oggi. Oggi, per la prima volta in assoluto, proponiamo norme comuni dell'UE per proteggere meglio i milioni di cani e gatti allevati nell'UE e garantire ai futuri proprietari di animali da compagnia la certezza di cui hanno tanto bisogno. Inoltre, per la prima volta da 20 anni aggiorniamo le norme sul trasporto degli animali per migliorarne il benessere e prevenirne il maltrattamento durante il trasporto. Il benessere degli animali è essenziale non solo per la salute degli animali, ma anche per una società umana, sana e sostenibile."

Stella Kyriakides, commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare - 07/12/2023

 

"Oltre l'80 % dei cittadini dell'UE chiede una migliore protezione degli animali. Oggi adottiamo un importantissimo pacchetto normativo volto a garantire un migliore benessere degli animali durante il trasporto. Tempi, spazio e temperature di viaggio saranno infatti adattati per migliorare tale benessere. Inoltre, per la prima volta presentiamo una serie di norme che miglioreranno il trattamento dei migliori amici dell'uomo - i cani e i gatti - da parte di allevatori e negozianti . Il modo in cui trattiamo la natura, compresi gli animali, rivela molto su quale tipo di esseri umani siamo. Mi rallegro per i progressi che oggi stiamo compiendo per quanto riguarda il benessere degli animali."

Maroš Šefčovič, vicepresidente esecutivo per il Green Deal europeo, le relazioni interistituzionali e le prospettive strategiche - 07/12/2023

Dettagli

Data di pubblicazione
7 dicembre 2023
Autore
Rappresentanza in Italia