Passa ai contenuti principali
Rappresentanza in Italia
Comunicato stampa10 novembre 2023Rappresentanza in Italia2 min di lettura

L'UE coordina altri 6 voli del ponte aereo umanitario per Gaza

Visit of Janez Lenarčič, European Commissioner, to the Ostende airport for the upload of a humanitarian cargo to Gaza

L'UE continua a lavorare 24 ore su 24 per convogliare assistenza umanitaria verso Gaza. Altri 6 voli del ponte aereo umanitario dell'UE sono previsti per i prossimi giorni, due dei quali dovrebbero partire oggi e domani da Brindisi con 55 tonnellate di articoli donati dall'UE al Programma alimentare mondiale. Il carico comprende articoli logistici quali un'unità mobile di stoccaggio, forniture della catena del freddo e altri elementi che aumenteranno la capacità delle organizzazioni umanitarie di garantire un intervento più efficiente a favore della popolazione di Gaza. Altri tre voli dovrebbero partire la settimana prossima da Bucarest per trasportare materiale per gli alloggi di emergenza, come tende e materassi, donati dalla Romania. Il volo rimanente partirà da Ostenda (Belgio) verso la fine del mese con forniture donate dalle agenzie delle Nazioni Unite e da altri partner umanitari.

La Presidente Ursula von der Leyen ha dichiarato: "L'Unione europea è sempre stata il principale donatore internazionale per il popolo palestinese. Manteniamo il nostro impegno a favore delle esigenze umanitarie della popolazione di Gaza. Per questo motivo stiamo organizzando altri voli umanitari per aiutare il maggior numero possibile di civili. Otto voli che trasportano beni essenziali hanno già raggiunto l'Egitto e altri sei sono previsti per i prossimi giorni. Nel contempo stiamo lavorando a rotte complementari, come un corridoio marittimo."

Il Commissario per la Gestione delle crisi, Janez Lenarčič, ha dichiarato: "Assistiamo a una catastrofe umanitaria nella Striscia di Gaza. La Commissione europea ha quadruplicato i finanziamenti umanitari nell'ultimo mese e stiamo fornendo sostegno logistico ai nostri partner umanitari sul campo, gestendo anche un ponte aereo dell'UE verso l'Egitto per trasportare forniture umanitarie essenziali destinate alla popolazione di Gaza. Ma la sfida principale per la popolazione civile di Gaza e i nostri partner umanitari è un accesso gravemente insufficiente e non sicuro agli aiuti umanitari. Non ribadirò mai abbastanza quanto sia urgente che le parti belligeranti diano ascolto ai numerosi appelli a garantire un accesso umanitario illimitato e continuo, anche al combustibile indispensabile per gestire ospedali, panifici, stazioni idriche e azioni umanitarie. E sono profondamente addolorato per il numero estremamente elevato di decessi tra gli operatori umanitari. L’unica soluzione per garantire la loro sicurezza durante le operazioni di soccorso è che le parti belligeranti definiscano chiaramente e rispettino al più presto pause umanitarie di durata sufficiente."

Nelle ultime settimane l’UE ha così inviato a Gaza un totale di 14 voli del ponte aereo, con oltre 550 tonnellate di aiuti di emergenza per la popolazione di Gaza trasportate in Egitto per una rapida diffusione attraverso il valico di frontiera di Rafah. 

Il comunicato stampa è disponibile online.

 

Dettagli

Data di pubblicazione
10 novembre 2023
Autore
Rappresentanza in Italia