Passa ai contenuti principali
Rappresentanza in Italia
Comunicato stampa28 giugno 2023Rappresentanza in Italia

L'UE in veste di mutuatario: nella seconda metà del 2023 la Commissione europea emetterà obbligazioni a lungo termine dell'UE per 40 miliardi di €

Symbolic - Real estate and money

Per continuare a finanziare la ripresa dell'UE attraverso NextGenerationEU, fornire sostegno all'Ucraina e garantire fondi per altri programmi chiave, nella seconda metà del 2023 la Commissione europea prevede di emettere obbligazioni a lungo termine dell'UE per 40 miliardi di €.  I fondi raccolti saranno utilizzati per onorare i pagamenti connessi a NextGenerationEU, finanziare il sostegno all'Ucraina nell'ambito del programma di assistenza macrofinanziaria+ dell'UE e per coprire eventuali fabbisogni di pagamenti supplementari derivanti da altri programmi dell'UE esistenti, quali il meccanismo europeo di stabilizzazione finanziaria (MESF) e l'assistenza macrofinanziaria (AMF).

La Commissione continuerà a emettere obbligazioni nell'ambito del suo approccio unificato in materia di finanziamento, sotto la denominazione unica di “obbligazioni dell'UE”. Tale approccio è stato adottato dalla Commissione nello scorso dicembre al fine di consolidare la propria presenza sul mercato e proseguire la sua trasformazione in emittente sovrano.

Uniti alla corretta attuazione dell'obiettivo di finanziamento nel primo semestre dell'anno (80 miliardi di €), i finanziamenti nel secondo semestre del 2023 porteranno il totale delle emissioni dell'UE nel 2023 a 120 miliardi di € (importi corrispondenti nel 2022). L'obiettivo di finanziamento della Commissione per il resto dell'anno tiene conto delle esigenze di esborso previste per i singoli beneficiari, compresi gli Stati membri dell'UE, nell'ambito del dispositivo per la ripresa e la resilienza.

Le emissioni della Commissione continueranno inoltre a comprendere obbligazioni verdi NextGenerationEU volte a finanziare la componente verde del dispositivo per la ripresa e la resilienza. In tal modo la Commissione continuerà ad esercitare la dovuta diligenza nel verificare che i proventi dell'emissione di obbligazioni verdi NextGenerationEU siano assegnati a spese ammissibili nel quadro delle obbligazioni verdi, conformemente al quadro stabilito per tali obbligazioni. 

Maggiori informazioni sono disponibili nel comunicato stampa.

 

Dettagli

Data di pubblicazione
28 giugno 2023
Autore
Rappresentanza in Italia