Passa ai contenuti principali
Rappresentanza in Italia
Articolo8 febbraio 2023Rappresentanza in Italia

Istruzione: "Dì la tua" sul futuro della mobilità per l'apprendimento

spazio europeo dell'istruzione
EC

Oggi la Commissione ha avviato la consultazione pubblica sul futuro della mobilità per l'apprendimento, in vista della sua prossima proposta normativa. Lo scopo della consultazione è informare i cittadini e tutte le parti interessate in merito alla prossima proposta e raccogliere informazioni e opinioni. L'UE e i suoi Stati membri sono impegnati a promuovere la mobilità transfrontaliera per l'apprendimento nello spazio europeo dell'istruzione per tutti i discenti, gli educatori e il personale del settore dell’istruzione.

Mariya Gabriel, Commissaria per l'Innovazione, la ricerca, la cultura, l'istruzione e i giovani, ha dichiarato: "La mobilità ai fini dell'apprendimento rafforza il senso di appartenenza e ci ispira ad apprezzare la diversità dell'Unione europea; ci consente di incontrare nuove persone, stringere amicizie e, soprattutto, imparare e progredire. Riteniamo che dovrebbe essere più semplice per i discenti conoscere le opportunità e muoversi agevolmente tra i sistemi di istruzione dei diversi paesi. Questa consultazione pubblica offre l'occasione di ascoltare tutte le parti interessate e di trasformare in realtà lo spazio europeo dell'istruzione."

La mobilità transfrontaliera per l’apprendimento si è dimostrata un'esperienza estremamente preziosa per acquisire conoscenze, abilità e competenze necessarie per lo sviluppo personale, educativo e professionale, come anche per l'impegno civico e l'inclusione sociale. Tuttavia solo il 15% dei giovani ha intrapreso esperienze di studio, formazione o apprendistato in un altro paese dell'UE. Pertanto, come annunciato nel suo programma di lavoro per il 2023, la Commissione ha deciso di presentare una proposta di aggiornamento dell'attuale quadro di mobilità per l'apprendimento dell'UE, allo scopo di agevolare i trasferimenti tra i sistemi di istruzione e promuovere la mobilità ai fini dell'apprendimento come opportunità per tutti.

La consultazione pubblica riguarda i principali ostacoli alla partecipazione alla mobilità per l'apprendimento e le modalità per affrontarli, ed è rivolta ai cittadini e alle parti interessate, quali discenti, educatori, personale di tutti i settori dell'istruzione e della formazione, animatori socioeducativi, apprendisti e personale sportivo. In particolare, sono invitate a condividere le loro opinioni le organizzazioni che inviano e accolgono partecipanti ad attività di mobilità, compresi i datori di lavoro. Molto preziosi saranno anche i contributi dei responsabili politici, delle organizzazioni delle parti interessate e dei ricercatori.

L'invito a presentare contributi e il questionario della consultazione pubblica, disponibili in tutte le lingue dell'UE, resteranno aperti per 12 settimane sul portale "Dì la tua".

Dettagli

Data di pubblicazione
8 febbraio 2023
Autore
Rappresentanza in Italia