Passa ai contenuti principali
Rappresentanza in Italia
Comunicato stampa23 giugno 2023Rappresentanza in Italia

L'UE adotta il 11º pacchetto di sanzioni nei confronti della Russia per il proseguimento della sua guerra illegale contro l'Ucraina.

Bandiera europea
Pixabay

Questa pagina è stata tradotta utilizzando la traduzione automatica per facilitare la comprensione del testo. La Commissione europea non è responsabile della qualità e dell'accuratezza di questa traduzione automatica. Informazioni importante sulla traduzione automaticaTorna alla lingua originale.

La Commissione accoglie con favore l'adozione da parte del Consiglio di un 11º pacchetto di sanzioni nei confronti della Russia. Il pacchetto garantirà che le sanzioni dell'UE nei confronti della Russia siano ancora meglio applicate e attuate, sulla base degli insegnamenti tratti dall'attuazione nell'ultimo anno. 

Il 11º pacchetto contiene questi elementi chiave: 

MISURE COMMERCIALI

  • Nuovo strumento antielusione: ciò consentirà all'UE di limitare la vendita, la fornitura, il trasferimento o l'esportazione di determinati beni e tecnologie oggetto di sanzioni verso taluni paesi terzi le cui giurisdizioni sono considerate a rischio continuato e particolarmente elevato di elusione. Questo nuovo strumento antielusione sarà una misura eccezionale e di ultima istanza quando altre misure individuali e attività di sensibilizzazione dell'UE nei confronti dei paesi terzi interessati si sono rivelate insufficienti a prevenire l'elusione. 
  • Estensione del divieto di transito per taluni beni sensibili (ad esempio tecnologie avanzate, materiali connessi all'aviazione) esportati dall'UE verso paesi terzi attraverso la Russia. Ciò ridurrà anche il rischio di elusione. 
  • Aggiunta di 87 nuove entità all'elenco di coloro che sostengono direttamente il complesso militare e industriale della Russia nella guerra di aggressione contro l'Ucraina. Essi sono soggetti a restrizioni più severe all'esportazione di prodotti a duplice uso e di tecnologie avanzate. Oltre alle entità russe e iraniane già inserite nell'elenco, si tratta ora anche di entità registrate in Cina, Uzbekistan, Emirati arabi uniti, Siria e Armenia. 
  • Restrizioni all'esportazione di altri 15 articoli tecnologici rinvenuti nel campo di battaglia in Ucraina o di attrezzature necessarie per produrli. Stiamo lavorando in stretto coordinamento con i partner e aggiungiamo la Svizzera all'elenco dei nostri paesi partner. 
  • Inasprire le restrizioni sulle importazioni di prodotti siderurgici imponendo agli importatori di prodotti siderurgici sanzionati che sono stati trasformati in un paese terzo di dimostrare che i fattori produttivi utilizzati non provengono dalla Russia. 
  • Divieto di vendere, concedere in licenza, trasferire o fare riferimento ai diritti di proprietà intellettuale e ai segreti commerciali utilizzati in relazione a merci soggette a restrizioni per impedire che le merci oggetto di sanzioni siano semplicemente fabbricate al di fuori dell'UE. 
  • Estensione del divieto di esportazione di automobili di lusso a tutte le autovetture nuove e di seconda mano al di sopra di una determinata dimensione del motore (> 1,900 cm³) e a tutti i veicoli elettrici e ibridi. 
  • Il divieto totale di alcuni tipi di componenti delle macchine. 
  • Semplificare la struttura dell'allegato relativo ai prodotti industriali, elencando i prodotti soggetti a restrizioni in un'unica sezione e con definizioni di prodotto più ampie, al fine di identificare meglio le merci soggette a divieti di esportazione e ridurre l'elusione delle sanzioni mediante un'errata classificazione.

AZIONI NEI TRASPORTI

  • Un divieto totale per gli autocarri con rimorchi e semirimorchi russi di trasportare merci verso l'UE. Ciò contrasterà l'elusione del divieto imposto agli operatori russi di trasporto merci su strada di trasportare merci nell'UE. 
  • Divieto di accesso ai porti dell'UE per le navi che effettuano trasferimenti da nave a nave sospettate di violare il divieto russo di importazione di petrolio o il massimale di prezzo della coalizione del G7. 
  • Divieto di accesso ai porti dell'UE per le navi che non notificano all'autorità competente, con almeno 48 ore di anticipo, un trasferimento da nave a nave all'interno della zona economica esclusiva di uno Stato membro o entro 12 miglia nautiche dalla linea di base della costa di tale Stato membro. 
  • Divieto di accesso ai porti dell'UE per le navi che manipolano o disattivano il loro sistema di localizzazione della navigazione quando trasportano petrolio russo soggetto al divieto di importazione di petrolio o al massimale di prezzo del G7. 

MISURE NEL SETTORE DELL'ENERGIA

  • Cessazione della possibilità di importare petrolio russo mediante oleodotto per la Germania e la Polonia. 
  • Introduzione di deroghe rigorose e molto mirate ai divieti di esportazione in vigore per consentire il mantenimento dell'oleodotto CPC (consorzio Caspian Pipeline) che trasporta petrolio kazako verso l'UE attraverso la Russia. 
  • Proroga dell'eccezione al massimale del prezzo del petrolio per il Giappone (fino al 31 marzo 2024). 

ULTERIORI INSERIMENTI NELL'ELENCO

  • Oltre 100 persone ed entità supplementari soggette al congelamento dei beni. Ciò comprende alti funzionari militari, responsabili delle decisioni sulla guerra, persone coinvolte nella deportazione illegale di bambini ucraini in Russia, giudici che hanno preso decisioni di matrice politica nei confronti di cittadini ucraini, persone responsabili del saccheggio del patrimonio culturale, imprenditori, propagandisti, nonché società informatiche russe che forniscono tecnologie e software critici all'intelligence russa, banche che operano nei territori occupati ed entità che lavorano con le forze armate russe.

PRECISAZIONI ULTERIORI

  • Revisione del criterio di inserimento nell'elenco per le persone/entità coinvolte nell'elusione delle sanzioni dell'UE, comprese quelle che ostacolano in modo significativo le sanzioni dell'UE. 
  • Aggiunta di un nuovo criterio di inserimento nell'elenco per consentire la designazione di persone ed entità che operano nel settore informatico russo in possesso di una licenza del servizio federale di sicurezza della Federazione russa (FSB) o del ministero russo dell'Industria e del commercio. 
  • Inserimento di una deroga che consenta la vendita di diritti di proprietà in una joint venture russa detenuta congiuntamente con una persona inserita nell'elenco. 
  • Inserimento di una deroga che consenta la cessione di determinati tipi di titoli detenuti presso determinati soggetti quotati. 
  • Inserimento di alcuni chiarimenti nella disposizione sulla condivisione di informazioni tra le autorità competenti e sul rispetto della riservatezza delle comunicazioni tra gli avvocati e i loro clienti nel contesto degli obblighi di segnalazione. 
  • Inserimento di una deroga che consenta la prestazione dei servizi necessari per l'istituzione di un firewall che sottragga il controllo di una persona inserita in elenco sulle attività di un'entità dell'UE. 
  • Inserimento di un'esenzione per la prestazione di servizi di pilotaggio in circostanze specifiche. 

ALTRI

  • Estensione del divieto relativo ai media a 5 canali supplementari. 
  • Disposizioni supplementari in materia di scambio di informazioni e comunicazione. 
  • Introduzione di una deroga temporanea per consentire la prestazione di servizi vietati che sono giuridicamente necessari per la cessione di operatori russi dall'UE. 

SANZIONI UE

Le sanzioni dell'UE hanno limitato considerevolmente le opzioni politiche ed economiche di Mosca, causando forti tensioni finanziarie, degradando la capacità industriale e tecnologica della Russia. Essi stanno realizzando i loro tre obiettivi principali: degradare la capacità militare della Russia di pagare la guerra di aggressione contro l'Ucraina, privare il Cremlino delle entrate con cui finanzia la guerra e imporre costi all'economia russa. Le sanzioni hanno un impatto su tutte e tre le cose. I loro effetti crescono nel tempo man mano che le sanzioni erodono la base industriale e tecnologica della Russia.

Inoltre, l'inviato per le sanzioni dell'UE David O'Sullivan è in corso di sensibilizzazione sulla cooperazione volta a prevenire l'elusione nei confronti di paesi terzi chiave. I primi risultati tangibili sono già visibili. In alcuni paesi sono in atto sistemi di monitoraggio, controllo e blocco delle riesportazioni. Dati anomali e imprudenti sul commercio di alcuni prodotti/paesi molto specifici dimostrano chiaramente che la Russia sta tentando attivamente di eludere le sanzioni. Ciò ci impone di raddoppiare i nostri sforzi per contrastare l'elusione e di chiedere ai nostri vicini una cooperazione ancora più stretta. In collaborazione con i partner abbiamo inoltre concordato un elenco prioritario di merci da battaglia sanzionate, alle quali le imprese dovrebbero applicare una particolare dovuta diligenza e che i paesi terzi non devono esportare in Russia. Inoltre, all'interno dell'UE, abbiamo individuato anche beni economicamente critici per i quali le imprese e i paesi terzi dovrebbero essere particolarmente vigili. 

Contesto

Le sanzioni dell'UE nei confronti della Russia si stanno dimostrando efficaci. Limitano la capacità della Russia di pagare la guerra contro l'Ucraina, anche per quanto riguarda la produzione di nuove armi e la riparazione di quelle esistenti, e ostacolano il trasporto di materiale. 

Le implicazioni geopolitiche, economiche e finanziarie della continua guerra di aggressione della Russia nei confronti dell'Ucraina sono chiare, in quanto la guerra ha perturbato i mercati mondiali delle materie prime, in particolare per i prodotti agroalimentari e l'energia. L'UE continua a garantire che le sue sanzioni non abbiano un impatto sulle esportazioni di energia e agroalimentare dalla Russia verso paesi terzi. 

In quanto custode dei trattati dell'UE, la Commissione europea monitora l'applicazione delle sanzioni dell'UE da parte degli Stati membri dell'UE. 

L'UE è unita nella sua solidarietà con l'Ucraina e continuerà a sostenere l'Ucraina e il suo popolo insieme ai suoi partner internazionali, anche attraverso un ulteriore sostegno politico, finanziario, militare e umanitario per tutto il tempo necessario. 

Per maggiori informazioni

Domande e risposte

Gazzetta ufficiale

Maggiori informazioni sulle sanzioni
 
 

Dettagli

Data di pubblicazione
23 giugno 2023
Autore
Rappresentanza in Italia