Passa ai contenuti principali
Rappresentanza in Italia
Articolo9 agosto 2022Rappresentanza in Italia

Vaccini anti COVID-19: la Commissione e Moderna adeguano i termini di consegna per la fine dell'estate e l'inverno

Vaccino COVID-19
Pixabay

La Commissione europea e Moderna hanno raggiunto un accordo volto a fornire una risposta adeguata alle esigenze degli Stati membri in materia di vaccini anti COVID-19 nel periodo tardo estivo e invernale. Questo garantirà alle autorità nazionali di avere accesso ai vaccini, compreso ai vaccini adattati alle varianti eventualmente autorizzati, nel momento in cui ne avranno bisogno per le proprie campagne di vaccinazione e per sostenere i loro partner globali.

L'accordo porterà ad un adeguamento dei termini di consegna contrattuali inizialmente concordati. Le dosi inizialmente previste per l'estate saranno ora consegnate in settembre e nel corso dell'autunno-inverno 2022, quando sarà più probabile che gli Stati membri abbiano necessità di disporre di scorte supplementari di vaccini per completare le proprie campagne nazionali e per onorare gli impegni di solidarietà internazionale.

Stella Kyriakides, Commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare, ha dichiarato: "L'aumento dei tassi di vaccinazione e di richiamo contro la COVID-19 sarà fondamentale in vista dei mesi autunnali e invernali. Per garantire al meglio la preparazione comune, gli Stati membri devono disporre degli strumenti necessari, compreso dei vaccini adattati alle varianti man mano che questi vengono autorizzati dall'Agenzia europea per i medicinali. L'accordo garantirà che gli Stati membri abbiano accesso alle dosi di vaccino di cui hanno bisogno in tempo utile per proteggere i cittadini".

L'accordo garantisce inoltre che, in caso di autorizzazione all'immissione in commercio di uno o più vaccini adattati, gli Stati membri possano scegliere di ricevere tali vaccini adattati nell'ambito del contratto in essere. In questo contesto, su richiesta di alcuni Stati membri, l'accordo garantisce anche la consegna da parte di Moderna di ulteriori 15 milioni di dosi di candidati booster anti Omicron, previa autorizzazione all'immissione in commercio entro termini che consentano agli Stati membri di utilizzare tali dosi per le loro campagne di vaccinazione.

Un comunicato stampa è disponibile qui.

Dettagli

Data di pubblicazione
9 agosto 2022
Autore
Rappresentanza in Italia