Passa ai contenuti principali
Rappresentanza in Italia
Dichiarazione11 giugno 2023Rappresentanza in Italia

Dichiarazione alla stampa della presidente von der Leyen con il primo ministro italiano Meloni, il primo ministro olandese Rutte e il presidente tunisino Saied

Visit of Ursula von der Leyen, President of the European Commission, to Tunisia

Questa pagina è stata tradotta attraverso la traduzione automatica in italiano per facilitare la comprensione del testo (clausola di esclusione responsabilitàIT•••). La traduzione ufficiale sarà pubblicata non appena disponibile.

"Fa fede solo il discorso pronunciato"

Buon pomeriggio,

Siamo qui come Team Europa. Vogliamo segnare una tappa importante nelle relazioni tra la Tunisia e l'Unione europea. La Tunisia è un partner che valoriamo molto nell'Unione europea. Ciò è dimostrato dal fatto che tre di noi sono qui a Tunisi insieme, dal tipo di ospitalità che abbiamo ricevuto e dalle buone discussioni con il presidente Saied. 

Con la Tunisia condividiamo molto di più della vicinanza geografica, condividiamo una storia. Dal 2 011 l'Unione europea sostiene il percorso democratico della Tunisia. Si tratta di una strada lunga, talvolta difficile. Ma queste difficoltà possono essere superate. In un contesto di incertezza globale, è nel nostro comune interesse rafforzare le nostre relazioni e investire nella stabilità e nella prosperità. Ecco perché siamo qui, ed è per questo che stiamo lavorando con la Tunisia a un pacchetto globale. Il pacchetto si basa su cinque pilastri. 

Il primo pilastro è lo sviluppo economico. Aiuteremo la Tunisia a rafforzare la sua economia. La Commissione europea sta valutando la possibilità di fornire assistenza macrofinanziaria non appena sarà stato trovato l'accordo necessario. Siamo pronti a mobilitare fino a 900 milioni di EUR a tal fine. E come passo immediato potremmo fornire ulteriori 150 milioni di EUR di sostegno al bilancio. 

Il secondo pilastro è costituito dagli investimenti e dal commercio. L'UE è il principale investitore e partner commerciale straniero della Tunisia. E proponiamo di andare oltre. Desideriamo modernizzare il nostro attuale accordo commerciale. Vi è un grande potenziale per creare posti di lavoro e stimolare la crescita in Tunisia. Un aspetto importante per i nostri investimenti è il settore digitale. Abbiamo già una buona base. Il nostro progetto faro, il cavo sottomarino di Medusa, collegherà le due sponde del Mediterraneo. Il cavo Medusa sta portando la banda larga ad alta velocità nella regione, un vero ponte digitale che, entro il 2025, collegherà 11 paesi del Mediterraneo. Insieme alla Banca europea per gli investimenti, stiamo investendo in questo progetto 150 milioni di EUR.

Il settore più importante per gli investimenti che vediamo è l'energia. Questo è il nostro terzo pilastro. L'energia è un settore vantaggioso per tutti. La Tunisia sta cercando di sfruttare il suo enorme potenziale in termini di energie rinnovabili. E l'Unione europea ha bisogno di fornitori di energia pulita affidabili, in quanto elettriamo tutta la nostra economia. Dobbiamo quindi investire nelle nostre infrastrutture affinché la Tunisia possa esportare energia pulita in Europa. Una tappa importante in questo percorso è l'interconnettore ELMED, un cavo elettrico sottomarino che collega la Tunisia all'Italia. L'Unione europea investe oltre 300 milioni di EUR nell'interconnettore ELMED. Si tratta di una grande notizia per la Tunisia e l'Europa. In autunno proponiamo di organizzare insieme un forum per gli investimenti per portare maggiori investimenti privati nel settore delle energie rinnovabili in Tunisia, compreso l'idrogeno. Per inserire tutto questo in una tabella di marcia comune, stiamo lavorando a un memorandum d'intesa sulle energie rinnovabili con la Tunisia. 

Il quarto pilastro è la migrazione. Entrambi abbiamo interesse a rompere il cinico modello di attività dei trafficanti. È orribile vedere come rischiano deliberatamente vite umane a fini di lucro. Collaboreremo a un partenariato operativo per combattere il traffico di migranti. E sosterremo la Tunisia nella gestione delle frontiere. Quest'anno l'UE fornirà alla Tunisia 100 milioni di EUR per la gestione delle frontiere, ma anche per la ricerca e il soccorso, la lotta al traffico di migranti e il rimpatrio. L'obiettivo è sostenere una politica migratoria olistica fondata sul rispetto dei diritti umani. 

Il quinto e molto importante pilastro riguarda i contatti interpersonali. La Tunisia ha una popolazione giovane e vivace. E dobbiamo fare tutto il possibile per riunire le persone. Creeremo una finestra Tunisia nel programma Erasmus + del valore di 10 milioni di EUR per sostenere gli scambi di studenti. E istituiremo "partenariati talenti" per offrire ai giovani tunisini opportunità di studio, lavoro o formazione nell'UE. Svilupperanno nuove competenze utili per modernizzare l'economia tunisina. Abbiamo tanto lavoro da fare. Ho chiesto al commissario Várhelyi di portare avanti questo lavoro. 

Infine, ripristineremo il Consiglio di associazione. L'alto rappresentante è pronto a organizzare la prossima riunione entro la fine dell'anno. Team Europa, la Commissione e gli Stati membri attendono con interesse di lavorare al nostro partenariato con la Tunisia.

Media correlati

 

Dettagli

Data di pubblicazione
11 giugno 2023
Autore
Rappresentanza in Italia